Basta Palle – i palloni della Serie A –

(๐“˜๐“ท ๐“ฏ๐“ธ๐“ฝ๐“ธ, ๐“ฒ๐“ต ๐“น๐“ช๐“ต๐“ต๐“ธ๐“ท๐“ฎ ๐“ป๐“ช๐“ฏ๐“ฏ๐“ฒ๐“ฐ๐“พ๐“ป๐“ช๐“ฝ๐“ธ ๐“ผ๐“ธ๐“น๐“ป๐“ช ๐“ต๐“ธ ๐“ผ๐“ฝ๐“ช๐“ท๐“ญ ๐“ฎฬ€ ๐“ฒ๐“ต ๐“๐“ฒ๐“ด๐“ฎ ๐“ฃ๐“ธ๐“ฝ๐“ช๐“ต 90, ๐“ฒ๐“ท ๐“ญ๐“ธ๐“ฝ๐“ช๐”ƒ๐“ฒ๐“ธ๐“ท๐“ฎ ๐“ช ๐“ต๐“ฎ๐“ฐ๐“ฑ๐“ฎ ๐“ฎ๐“ผ๐“ฝ๐“ฎ๐“ป๐“ฎ ๐“ฎ ๐“ฌ๐“ต๐“พ๐“ซ ๐“ฏ๐“ฒ๐“ท๐“ธ ๐“ช๐“ต๐“ต๐“ช ๐“ผ๐“ฝ๐“ช๐“ฐ๐“ฒ๐“ธ๐“ท๐“ฎ ๐“น๐“ป๐“ฎ๐“ฌ๐“ฎ๐“ญ๐“ฎ๐“ท๐“ฝ๐“ฎ ๐“ฒ๐“ต 2007/08) Basta palle,ย recitava lo spot della Nike, in quella maledetta stagione promozionale che precedeva il campionato 2007-2008. Fu cosรฌ che la Lega, da anni ben marciante verso una globalizzazione e commercializzazione pressochรฉ totali, decise di stipulare un faraonico contratto con la Nike, ed istituire il Pallone Unico (cosa che in altre nazioni era giร  in uso da tanti anni). Vide la fine, purtroppo, la stupenda epoca in cui ogni squadra aveva il proprio, personalizzato con stemmi e colori, e che, a mio parere, aveva visto… Read More

Continue Reading

๐™‚๐™ž๐™ช๐™ก๐™ž๐™– ๐™š ๐™ก๐™– ๐™‡๐™–๐™ข๐™—๐™ง๐™š๐™ฉ๐™ฉ๐™–

Giulia e la Lambretta ย  Cagliari, 26 Ottobre 1975. Mi chiamo Giulia. E questa รจ la mia storia. Sono nata in un piccolo paese nella provincia di Cagliari, nel 1922. Mio padre era un soldato della Brigata Sassari, combattรฉ al Fronte Italiano nella guerra del Quindici Diciotto. Prima di partire, faceva il contadino. Avevamo un discreto appezzamento di terra, che si estendeva tutto attorno alla nostra casa. Nel 1914 io ero solo un dolce sogno che saltellava dalla mente della mia futura mamma a quella del mio futuro padre, un sogno che si interruppe quando lโ€™Italia costituรฌ il glorioso reggimento di fanteria, che negli anni a seguire fu tanto acclamato… Read More

Continue Reading

Lotto Sphera Palermo

Non amo molto i Lotto Sphera, esteticamente. Come cuciture e pannelli, invece, sono ottimi. Perรฒ Toni che salta, stoppa e insacca, questo mi piace, tranne quando l’ha fatto contro il Cagliari, cunnu chi d’ha bogau. Stagioni dal 2003 al 2007, credo. Questo pallone proviene da uno degli infuocatissimi derby col Catania.

Continue Reading

Adidas etrusco, Azteca, Questra

Mi tocca mettere anche gli Adidas, se no vi incazzate. Eccoli a voi. Attenzione, l’Etrusco non รจ del Mondiale Italiano, ma dell’Europeo 1992, e coi pannelli contrassegnati con la R, versione usata in campo, rarissima. Cosa c’รจ da dire su questi palloni? Nulla che non risulti giร  detto, quindi noioso. Cia’

Continue Reading

Kelme Torino

Usato un paio di stagioni, a partire dal 1999, in alternanza coi suoi cuginetti di colori e fantasie diverse. Un pallone bellissimo, i disegni sono unici, e la marca poi, dai… Molto particolare il fatto che, nonostante in quell’epoca fosse giร  universalmente diffusa l’usanza del marchio Fifa – seppur con molte eccezioni- , questo non lo avesse.

Continue Reading

Mostrate i pugni e battagliate.

Cagliari, 24 Settembre 1955. Mi chiamo Mario, ho ventisei anni. Questa รจ la scuola piรน antica della cittร . Si trova nella via di cui porta il nome, Giuseppe Manno. Stamattina ho chiuso il portone della casa dove vivo da quando sono nato, e in quindici minuti mi sono ritrovato tra questi banchi. Sono i primi giorni di didattica, sia per voi che per me, che ho appena cominciato il lavoro per cui ho studiato per mezza vita. Di tanto in tanto, quando il cielo รจ coperto dalle nuvole, percorrendo quei cinquecento metri in salita, mi capita di ritornare con la mente al passato. Passo dinanzi alla chiesa di Santโ€™Antonio Abate… Read More

Continue Reading

๐“œ๐“ช๐“ป๐“ฒ๐“ธ ๐“ฒ๐“ต ๐“‘๐“ป๐“ฒ๐“ฐ๐“ช๐“ท๐“ฝ๐“ฎ – C๐•’๐•ก๐•š๐•ฅ๐• ๐•๐•  ๐”ฝ๐•š๐•Ÿ๐•’๐•๐•–

Mario urlรฒ di nuovo. Scese gli scalini a quattro a quattro. Arrivรฒ al secondo piano, poi al primo, infine giunse al piano terra. In lontananza un uomo in divisa, di spalle, tirava forte il collare di Mario il Brigante. Ehi! Bitte! Bitte! Fermo! Tenente CAZZO! Fermo! Sรฌ, dico a te, tenente Cazzo, o come ti chiami- urlรฒ come se cercasse di sputare il suo stesso fegato per usarlo come arma per difendere il suo Brigante. Lโ€™uomo si fermรฒ, Mario corse a perdifiato, quella parte dellโ€™ospedale era affollata di persone che andavano e venivano via, tutti si fermarono ad osservare quella scheggia impazzita. Quando Mario li raggiunse, gridรฒ: Bitte! Hai tre… Read More

Continue Reading

๐“œ๐“ช๐“ป๐“ฒ๐“ธ ๐“ฒ๐“ต ๐“‘๐“ป๐“ฒ๐“ฐ๐“ช๐“ท๐“ฝ๐“ฎ โ€“ ๐‚๐š๐ฉ๐ข๐ญ๐จ๐ฅ๐จ ๐—๐—

Era ormai notte fonda, quando Mario, Il Brigante e Ponziano erano stati caricati su un carro ambulanza, e portati allโ€™ospedale. Ponziano era privo di conoscenza, e il ragazzo, mostrando i pugni e sistemandosi la lunga gonna per preparare un attacco a calci, era riuscito a impedire che li separassero. Ai medici aveva raccontato di essere stato soccorso da quellโ€™uomo, che non conosceva, mentre si trovava nel mezzo del bombardamento. Solo alcuni giorni dopo, i medici avevano scoperto che era un soldato del Regio Esercito. Mario invece era stato destinato ai ricoveri sotterranei dellโ€™ospedale, e da allora si era ben guardato dallโ€™uscire, per sfuggire alle ricerche dei tedeschi. Lโ€™ospedale Civile si… Read More

Continue Reading

๐“œ๐“ช๐“ป๐“ฒ๐“ธ ๐“ฒ๐“ต ๐“‘๐“ป๐“ฒ๐“ฐ๐“ช๐“ท๐“ฝ๐“ฎ โ€“ ๐‚๐š๐ฉ๐ข๐ญ๐จ๐ฅ๐จ ๐—๐ˆ๐—

Bum! Una piccola nube, odore di polvere da sparo e un lamento canino. Mario sentรฌ il cuore spaccare le costole e venire fuori dal petto, il cane fece un balzo indietro e restรฒ pietrificato. Nel mentre i tedeschi impugnarono dei piccoli revolver che avevano alla cintura, Ponziano si girรฒ e sparรฒ un altro colpo, mirando ai loro piedi. Dalla piccola cartuccera nella tracolla, estrasse dei proiettili, armรฒ nuovamente il fucile e fece fuoco unโ€™altra volta, sempre tenendo bassa la canna. I tedeschi restarono a terra coprendosi il capo con le mani. Ad ammazzaโ€™ uno sconosciuto coโ€™ la divisa diversa dalla mia pe faโ€™ contenti li governatori nun ce so bono,… Read More

Continue Reading

๐“œ๐“ช๐“ป๐“ฒ๐“ธ ๐“ฒ๐“ต ๐“‘๐“ป๐“ฒ๐“ฐ๐“ช๐“ท๐“ฝ๐“ฎ โ€“ ๐‚๐š๐ฉ๐ข๐ญ๐จ๐ฅ๐จ ๐™“๐™‘๐™„๐™„๐™„

Il soldato scosse un braccio e lo mosse lentamente, fece lo stesso con lโ€™altro, infine piegรฒ una gamba e alzรฒ la testa. Me ce chiamavano a scola โ€“ disse, cercando di sturarsi le orecchie con il dito indice. Cosa? Chi? Imbecille: me ce chiamavano a scola, peโ€™ questo ho mollato in prima elementare. Mario รจ lรฌ, dobbiamo andare a prenderlo! Come facciamo? Cadeno le bombe! Ma che te sei ammattito? Sรฌ, sono matto! โ€“ringhiรฒ con tutto lโ€™ardore che aveva in corpo, scoprendo i denti, tutti rossi di sangue- Forza, andiamo! Ponziano si alzรฒ, videro unโ€™enorme massa nera muoversi allโ€™impazzata in mezzo alle macerie. Una puzza tremenda andรฒ a coprire lโ€™odore… Read More

Continue Reading