Il Select degli ultimi anni prima dei palloni unici. Cucito a mano, col rivestimento dall’effetto di luce cangiante. Un peso ed una sensazione al tatto che sono a dir poco sublimi. Anzi, sublimmi, con doppia M, alla cagliaritana.

Se volete sapere come si produce un buon pallone, innovandosi e usando delle tecniche moderne, chiedete a signor Select.

E poi se hai in squadra Chiesa, Taddei e D’aversa, che palloni gli vuoi dare? Un Nike Seitiro? Ma fammi il piacere.

Ti voglio bene Select.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarΓ  pubblicato.